LEDS Quark – La Guinea Bissau

Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.


Quando nel Novembre 2017 fummo per la prima volta contattati dai proff. Alotto e Guarnieri del Dipartimento di Ingegneria Industriale (DII – Unipd) per discutere dell’opportunità di aiutare Frate Micheal Daniels, missionario francescano, a portare per la prima volta l’illuminazione elettrica in un piccolo villaggio dell’Africa Occidentale (idea da cui poi effettivamente nacque il nostro progetto LEDS for Africa), ancora poco sapevamo del paese in cui avremmo dovuto operare: la Guinea Bissau. Ecco qualche informazione su questa nazione, ancora molto povera e fragile.


Geografia

<a title="TUBS [CC BY-SA 3.0 (https://creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0) or GFDL (http://www.gnu.org/copyleft/fdl.html)], from Wikimedia Commons" href="https://commons.wikimedia.org/wiki/File:Guinea-Bissau_in_Africa.svg"><img width="512" alt="Guinea-Bissau in Africa" src="https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/e/ed/Guinea-Bissau_in_Africa.svg/512px-Guinea-Bissau_in_Africa.svg.png"></a>

La Guinea Bissau è un paese costiero dell’Africa Occidentale. Fonte: Wikimedia Commons

🌍 La Guinea Bissau si trova sulla costa ovest dell’Africa Subsahariana e confina con Senegal e Guinea Conakry, ma più della metà dei suoi confini è bagnata dall’Oceano Atlantico [1]. Grande circa un decimo rispetto alla penisola Italiana, conta una popolazione di poco meno di 2 milioni di abitanti [2], dei quali solo 300 mila (17%) hanno un accesso sicuro all’energia elettrica. La stragrande maggioranza delle persone, infatti, per scaldarsi, cucinare e illuminare fa ancora affidamento sull’unica fonte energetica veramente accessibile: la biomassa solida (legname, sterpi, sterco animale) [3]. Questo ha diffuse ricadute, fortemente negative, in termini di sottosviluppo, inquinamento e danni all salute.

🌤 È un paese prevalentemente pianeggiante, con un clima tropicale caratterizzato da una stagione delle piogge che si protrae grosso modo da Giugno a Novembre. La temperatura media annuale si aggira attorno ai 27°C (contro i 12°C dell’Italia) [4].

🌺 Gli habitat principali sono due: foresta tropicale e savana [5]. Ma lungo la costa atlantica il mare si insinua, erodendo la terraferma: ramificandosi l’Oceano incontra gli estuari di numerosi fiumi, formando così un ambiente palustre ricco di acqua salmastra e sedimenti [6]. Lungo le sponde prosperano le mangrovie guineiane, foreste preziose (oggi in pericolo) che proteggono la costa e celano una straordinaria biodiversità [7].


Isole Bissagos - ESA

Immagine satellitare dell’area degli estuari fluviali sulla costa della Guinea Bissau. Fonte: ESA


Storia, Economia e Società

📖 Ex colonia portoghese, sfruttata sin dal 1600 per la tratta degli schiavi, la Guinea Bissau ha ottenuto l’indipendenza nel 1973, dopo dieci anni di lotta armata contro i dominatori. Da allora la situazione politica nel paese è rimasta a lungo incerta, a causa di un susseguirsi di colpi di stato militari (l’ultimo nel 2012), che nel ’98 hanno portato ad una guerra civile [2]. Da qualche anno la situazione è più stabile, sebbene le istituzioni democratiche risultino indebolite da una dilagante corruzione [8]. L’economia, prevalentemente di sussistenza, basata quasi esclusivamente sul settore primario, è una delle più povere al mondo [2].

🧔🏿👧🏾 La popolazione parla principalmente kriol, lingua creola derivante dal portoghese (ancora lingua ufficiale) ed è composta da una dozzina di diversi gruppi etnici [8]. La religione maggiormente praticata è l’Islam (spesso in sincretismo con il Cristianesimo), ma rimangono ancora ben radicati i culti animisti tradizionali [5]. Il grado di alfabetizzazione si aggira attorno al 60%. [9]


Scorcio della capitale del paese, Bissau. Fonte: Wikimedia Commons


Riferimenti 

[1] Guinea Bissau su Google Maps
[2] Guinea Bissau su Enciclopedia Treccani.it
[3] Guinea Bissau su Lighting Global – A World Bank Group Innovation
[4] Average Monthly Temperature and Rainfall for Guinea-Bissau from 1901-2015 su World Bank Group – Climate Change Knowledge Portal 
[5] Guinea Bissau su Sapere.it
[6] The Meandering Estuaries of Guinea–Bissau su NASA – Earth Observatory
[7] Mangroves | Africa: Senegal, The Gambia, Guinea-Bissau, Guinea, Sierra Leone, Liberia, and Ivory Coast su WWF – World Wildlife Fund
[8] Guinea Bissau su CIA – The World Factbook
[9] Guinea Bissau – Adult literacy rate su Knoema


 

Email Share Tweet +1 Share Follow Follow Print