smart grids

Una rete di trasmissione globale La IEEE fa il punto della situazione sulle super grid HVDC

Articolo originale pubblicato da Clark W. Gellings su IEEE Spectrum il 28 Luglio 2015
In questi anni ha assunto grande rilevanza in ambito accademico il concetto di “smart grid” (rete intelligente), spesso sovrapposto – sia a ragione, che a torto – a quello di “microgrid” (rete autosufficiente). L’avvento della generazione distribuita tramite fonti rinnovabili (RES) ha infatti costretto gli ingegneri a ripensare completamente il modello della rete elettrica, immaginando un futuro in cui ogni centro abitato e polo industriale consumeranno l’energia da loro stessi prodotta a livello locale, in modo sostenibile e pienamente efficiente. Ciò significherebbe, tradotto in termini pratici, suddividere le reti nazionali in piccole unità autonome, ciascuna dotata di un proprio sistema di generazione da pochi MW (ad esempio un “parco” fotovoltaico costituito dalla totalità dei pannelli installati sugli edifici) gestito in modo “smart” da una serie di sensori e strumenti informatici, che monitorano istante per istante ogni componente (Internet of Things).

Ovviamente questo modello presuppone che sia possibile sfruttare le rinnovabili in qualunque punto del pianeta, ma sappiamo, invece, che purtroppo non è così. Il grosso problema delle RES è che si tratta di fonti intermittenti, non programmabili, non uniformemente distribuite sul territorio e spesso situate lontano dai luoghi in cui la loro energia è effettivamente richiesta. Inoltre, in mancanza di efficienti ed economici sistemi di accumulo, settorializzare la rete elettrica rende estremamente più difficile il bilanciamento puntuale della produzione e dei consumi. Appare dunque evidente come per essere “smart” non sia sufficiente diventare “micro”.

Read More

Strategie e tecnologie di accumulo energetico

Martedì 27 ottobre 2015, ore 16.30, aula M1, Dim Incontro con la ricerca, 3° appuntamento Ospiti: prof. Massimo Guarnieri ► Argomenti trattati Con una panoramica introduttiva è stata descritta la vastità del campo di applicazioni e dell’importanza dell’accumulo energetico, a partire dalla produzione di energia elettrica fino ad arrivare all’alimentazione di defibrillatori sottocutanei. Il contesto […]

Read More

Le Energy Communities e l’energia condivisa Nuovi modelli di business per la fornitura di energia elettrica

Martedì 13 ottobre 2015, ore 16.30, aula M1, Dim
Dopo i primi esperimenti di liberalizzazione degli anni ’90, nello scenario energetico globale è sorta una profonda crisi del modello tradizionale, rinvigorita ancor più nell’ultimo decennio grazie alla “spinta verde” fornita dalle Rinnovabili. La struttura centralizzata di produzione e dispacciamento dell’energia sembra non esser più in grado di soddisfare le esigenze dei nuovi consumatori, sempre più attenti alla questione “Ambientale” e sempre più consapevoli. Per questo motivo, accanto alle gigantesche multi-utilities tradizionali è sorto un nuovo modello di organizzazione del mercato, volto a colmare il gap creatosi tra consumatore e produttore (basti pensare ai problemi che si riscontrano durante i “colloqui” con i centralini a risposta automatizzata).

Read More

Smart Energy Expo: la prima fiera internazionale sull’efficienza energetica e sulla white-green economy

Dal 9 all’11 ottobre 2013 Veronafiere, con la partnership tecnica di EfficiencyKNow, presenta SMART ENERGY EXPO, la prima fiera internazionale BTB sull’efficienza energetica e sulla white-green economy. Per gli studenti del settore energia, interessati alle tematiche di smart grid, smart cities, teleriscaldamento e in generale efficienza energetica, è possibile partecipare ai diversi convegni organizzati da ENEA e […]

Read More

Email Share Tweet +1 Share Follow Follow Print